Maghi e streghe

Randall Flagg era un micio speciale.

Certo, come sono speciali tutti gli animali domestici, senza dubbio.

Quindi bisogna specificare il perchè.

Era speciale perché era buono, buono come il pane. Gli si poteva fare il bagno, mettere le fialette, lo si poteva prendere in braccio e l’unica cosa che si sarebbe ottenuta sarebbero state sonore fusa, le più forti che io abbia mai sentito. Fusa che avrebbe fatto mangiando, giocando, correndo o dormendo, anche ora che si era inselvatichito a forza di bighellonare di notte. Fusa che avrebbe fatto mentre la sua sorellina gli leccava le orecchie, per poi magari morderle a tradimento. Ecco, adesso Maya ti cerca, imitando il tuo “mau”, e noi dovremo spiegarle perché non tornerai più, piccolo vagabondo. Perchè non sarai più il primo a piangere per il cibo, ma il secondo a mangiare. Dovremo spiegarle come si può chiamare “vita” una vita di un anno e mezzo.

Dovremo fare tante cose, ma per ora ci limitiamo a chiederti scusa, piccolo rosso, se abbiamo sbagliato qualcosa in questo tempo felice, ed augurarci che questo tempo sia stato lieto per te quanto per noi.

Ho chiesto a papà di tenere te e Malefica per un po’ di tempo, e anche se lui mal sopporta i gatti, sono sicuro mi farà questo piccolo favore. L’ho sognato, ieri notte, sai?

Ci vediamo alla radura alla fine del sentiero, piccolo, aspetto la tua nasata ❤

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.