“Chiediti piuttosto cos’è il tempo”

Un anno fa eri in una spiaggia toscana.

Eri dimagrito, ma era la dieta, no? Mangiavi sano da tempo ormai, mangiavi bene, non esageravi con i vizi e ti concedevi giusto quel che serviva a ricordarsi quanto è bella la vita.

Un anno fa eri in piedi, davanti alle città medievali toscane.

Eri fiero, con quello sguardo un po’ malinconico e un po’ lontano, di chi ha ancora tanto da vedere del mondo.

Un anno fa eri qui con noi. Anche ora, in qualche modo, solo che ora fa male.

Annunci
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Kafka estivo

Poi magari pensi che nella banalità della frase inflazionata Murakami potesse anche aver ragione, ma quello che nessuno dice è che capita poi che quella tempesta non passa, non passa mai. E allora forse ti conviene cambiarci dentro.

Non so perché Kafka estivo, poi, forse era meglio Kafka marittimo. Ora come ora, in spiaggia, ci andrei d’inverno.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

C’era una volta.

C’era una volta una strega in una gabbia, ad una fiera.

Era una strega che soffiava e si nascondeva nell’angolo, una strega diffidente, una strega grigia tigrata. Una strega che venne fatta uscire da una gabbia per entrare in una scatola di cartone, che venne messa in una scatola di metallo che la portò in una scatola di cemento.

Ne uscì spaventata, ne uscì soffiando, ne uscì timida, ne uscì diffidente.

E lo spavento divenne felicità, il soffio divenne fusa, la timidezza divenne affetto, la diffidenza divenne gioco.

Undici mesi di giochi e agguati e fusa e pianti di fame e carezze e coccole e furti di cibo e fughe da altri gatti e fughe di settimane e vizi e sveglie alle ore più improbabili, e poi altri giochi e agguati e fusa.

Un fratellino acquisito con il quale ripassare il ciclo di soffi e spaventi e timidezza e diffidenza, per finire ai giochi e alle scorribande inseparabili e alla preparazione per la vita all’aperto, quella stessa vita che amava più di ogni altra cosa.

A parte la notte, da un po’ di tempo, certo, perchè dopo due settimane senza i propri umani le notti erano tornate ad essere comode ronfate sopra o sotto al letto.

C’era una volta, si.

E poi non c’era più, perché il conteggio degli addii, in questo infame 2017, non è evidentemente ancora finito.

Non so se ha avuto senso farti uscire da quella gabbia per doverti dire addio così presto, piccola strega, ma se ti ha fatto vivere anche un solo giorno migliore di quel che sarebbe altrimenti stato, sappiamo ne sarà valsa la pena. I nostri, di giorni, lo sono stati di sicuro.

Ci vediamo alla radura alla fine del sentiero, Malefica.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Apparenze

Sembra facile decidere di scrivere poche righe alla volta. Devi pensare ad una cosa, una cosa sola; ermetizzarla, renderla moderna tramite uno stile incisivo e pragmatico, ma anche un po’ sognante e comunque pregno di un significato coerente, che è un po’ come essere Diego Fusaro nell’universo in cui tutto è al contrario.

Solo che poi bisognerebbe anche scriverla.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

20170602/16 – Indonesia (TBC)

  • Un ragazzo suona la chitarra da solo camminando sullo spartitraffico
  • Ukulele
  • Motorini
  • Clacson, non parole
  • Un ragazzo suona la chitarra all’angolo di un locale per un’unica spettatrice
  • Un guardiano dell’hotel raccoglie un fiore da terra e ne gode il profumo. Mi nota e sorride solo a fatto compiuto
  • Un bagnino prepara l’offerta su foglia di palma e la lascia sulla spiaggia
  • Un pescatore solitario con l’acqua alle ginocchia contro il tramonto di Kuta
  • Non balinesarmi.
  • In piscina sotto il diluvio
  • Tartaruga mangiare corallo
  • Scacchi alle 3 di notte
  • Fumano.
  • Serbat
  • Chi perde viene scarabocchiato con il gesso
  • Una foto che non potranno comunque mai avere
  • Funghi
  • Non vorrei scendere da Borobudur, ma devo
  • Una ragazza fa la spaccata frontale sul bagnasciuga di Air
  • Cocco alcolico
  • Yoga al tramonto
  • Cibo da scimmie
  • Pushpa!
  • Piatti lavati nel secchio in strada, ma il cibo era buono
  • Peperoncino
  • Pesce pappagallo
  • Quel caffè l’avrei portato a casa per te, papo.

 

“The ocean’s beauty no longer moves my heart”

…in fondo in fondo non era poi così vero.

 

Tarima kasih

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Disattendimenti

Uno ci prova anche a ridurre le bestemmie, ma vince la vita.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Alla fine, nella notte fra il 21 ed il 22 Maggio 2017, ti ho sognato.

Avevi quella faccia tipica di quando ti aspettavi avrei fatto qualcosa – anche di non tanto grave, tipo andare ad un qualche concerto buffo o a mangiare turco – che non aveva la tua piena approvazione.

Quante storie per aver semplicemente parcheggiato il tuo camper (a otto ruote, nel sogno) sopra ad un’altra macchina.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento